Lo sto­ri­co Mi­chel Gras: «Gli ar­cheo­lo­gi? Una ri­sor­sa. Il la­vo­ro ci sarà se si cam­bia men­ta­li­tà»

Lo sto­ri­co Mi­chel Gras: «Gli ar­cheo­lo­gi? Una ri­sor­sa. Il la­vo­ro ci sarà se si cam­bia men­ta­li­tà»

Torna a Notizie

Archeologia.

Nel­la fre­ne­sia dei no­stri gior­ni, trop­po spes­so la ri­cer­ca ar­cheo­lo­gi­ca, con gli sca­vi che essa pro­muo­ve, è vi­sta come un im­pe­di­men­to al­l’a­van­za­re dei la­vo­ri sul ter­ri­to­rio. Bi­so­gna ca­pi­re però che in real­tà l’ar­cheo­lo­gia tu­te­la l’am­bien­te». Que­ste le pa­ro­le di Mi­chel Gras, gran­de sto­ri­co e ar­cheo­lo­go fran­ce­se so­cio stra­nie­ro dell’Ac­ca­de­mia Na­zio­na­le dei Lin­ceie di­ret­to­re di ri­cer­ca eme­ri­to del Cen­tre Na­tio­nal de la Re­cher­che Scien­ti­fi­que, non­ché di­ret­to­re per lun­go tem­po dell’École française de Rome.

Michel Gras

RI­CER­CA E TU­TE­LA DEL­L’AM­BIENTE.

Oggi i gio­va­ni che de­ci­do­no di af­fron­ta­re stu­di di am­bi­to uma­ni­sti­co e ar­cheo­lo­gi­co non han­no da­van­ti gran­di pro­spet­ti­ve, so­prat­tut­to in ter­mi­ni di gua­da­gno, ma è pro­prio que­sto che li ren­de de­gni di am­mi­ra­zio­ne per la loro pas­sio­ne. Alla do­man­da su cosa l’ar­cheo­lo­gia ri­ser­vi ai gio­va­ni, so­prat­tut­to in Ita­lia, Mi­chel Gras ri­spon­de così: «Non es­sen­do ita­lia­no non so esat­ta­men­te cosa of­fra oggi l’ar­cheo­lo­gia nel vo­stro pae­se ai gio­va­ni in ter­mi­ni la­vo­ra­ti­vi, ma con la mia espe­rien­za in Fran­cia sono fi­du­cio­so e so che i po­sti ar­ri­ve­ran­no, a pat­to che si cam­bi men­ta­li­tà. L’ar­cheo­lo­gia è una ri­sor­sa per il ter­ri­to­rio, aiu­ta la so­cie­tà a pren­de­re co­scien­za del­l’am­bien­te in cui vive. Noi ar­cheo­lo­gi sia­mo come dei pom­pie­ri in­ten­ti a spe­gne­re un in­cen­dio: of­fria­mo un ser­vi­zio alla co­mu­ni­tà». Si pen­si al­l’ar­cheo­lo­gia pre­ven­ti­va, che si oc­cu­pa di con­ci­lia­re la tu­te­la del pa­tri­mo­nio ar­cheo­lo­gi­co con le ne­ces­si­tà ope­ra­ti­ve che i la­vo­ri di sca­vo com­por­ta­no: in que­sto modo si evi­ta che una co­stru­zio­ne mo­der­na, come un par­cheg­gio, pos­sa di­strug­ge­re i beni che si ce­la­no sot­to un’a­rea non an­co­ra sca­va­ta. «Quan­do mi ri­vol­go ai ra­gaz­zi – ci rac­con­ta l’ar­cheo­lo­go Gras – spes­so mi ca­pi­ta di do­ver fare ri­fe­ri­men­to a beni ar­cheo­lo­gi­ci che non ci sono più pro­prio per­ché sono an­da­ti di­strut­ti nel­la fre­ne­sia di rea­liz­za­re nuo­ve co­stru­zio­ni. In que­sti casi non mi re­sta che escla­ma­re: Che pec­ca­to».

LA MIS­SIO­NE DE­GLI SCA­VI. Es­sen­do quin­di l’ar­cheo­lo­gia un im­por­tan­te stru­men­to di va­lo­riz­za­zio­ne del­l’am­bien­te, bi­so­gna ca­pi­re che i suoi frut­ti sono of­fer­ti a tut­ti, ma solo chi ha stu­dia­to può ope­ra­re sul ter­ri­to­rio: «Ogni sca­vo – con­ti­nua l’ar­cheo­lo­go – è una mis­sio­ne che com­por­ta gran­di re­spon­sa­bi­li­tà, va af­fi­da­to a un’é­qui­pe com­pe­ten­te. Esso ser­ve a ri­por­ta­re alla luce il pas­sa­to, ma so­prat­tut­to a of­fri­re nuo­ve ri­sor­se non solo in ter­mi­ni di tu­ri­smo. Gli sca­vi sono una sal­va­guar­dia per l’am­bien­te, evi­ta­no che luo­ghi di gran­de in­te­res­se va­da­no di­strut­ti. Non tut­ti però l’ab­bia­mo an­co­ra ca­pi­to: in Fran­cia mi ca­pi­ta di ve­de­re che gli stra­nie­ri tra­sfe­ri­ti­si a vi­ve­re lì sono mol­to più in­te­res­sa­ti al no­stro ter­ri­to­rio ri­spet­to agli abi­tan­ti au­toc­to­ni, so­prat­tut­to per­ché que­sta vo­glia di co­no­scen­za per­met­te loro di tro­va­re un le­ga­me con la ter­ra che li ospi­ta».

PIC­CO­LI BENI, GRAN­DI RI­SUL­TA­TI. Ul­ti­ma­men­te la te­le­vi­sio­ne in Ita­lia ha por­ta­to sul­lo scher­mo i no­stri beni cul­tu­ra­li, of­fren­do al gran­de pub­bli­co la pos­si­bi­li­tà di co­no­scer­li: di fron­te al suc­ces­so di pro­gram­mi te­le­vi­si­vi come quel­li di Al­ber­to e Pie­ro An­ge­la, per­ché l’ar­cheo­lo­gia con­ti­nua a fa­ti­ca­re per tro­va­re fon­di e an­da­re avan­ti? Mi­chel Gras, pur non co­no­scen­do que­ste tra­smis­sio­ni ita­lia­ne, così ri­spon­de: «Spes­so in TV si por­ta­no solo le gran­di ope­re mo­nu­men­ta­li, quel­le ca­pa­ci di at­ti­ra­re l’at­ten­zio­ne del­la gen­te. L’ar­cheo­lo­gia però non è solo spet­ta­co­la­re, è fat­ta an­che del­le pic­co­le cose che ab­bia­mo sot­to gli oc­chi e spes­so non ve­dia­mo: sono pro­prio que­ste che van­no mes­se in­sie­me per ot­te­ne­re gran­di ri­sul­ta­ti».

  • Pubblicato: Lunedì, 29 Gennaio 2018

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Esplorazioni